Vietata Manifestazione per il Darfur

Se si fosse trattato di manifestare a favore del terrorismo palestinese, l’autorizzazione l’avrebbero data. Ma chissenefrega di un popolo quale quello del Darfur, se i persecutori non sono israeliani od americani, ma arabo-islamisti, con i quali l’Italia fa affari da sempre..

——-

(ANSA) – ROMA, 14 DIC – Le associazioni e i movimenti che avevano chiesto di potere effettuare un sit-in davanti a Palazzo Chigi per sollecitare l’impegno del governo in favore delle popolazioni del Darfur con un comunicato congiunto hanno protestato contro la mancata autorizzazione alla manifestazione. Nel comunicato, l’Associazione dei rifugiati del Darfur in Italia, il movimento per i diritti umani ”Italians for Darfur” e l’Unione dei giovani ebrei italiani affermano che non e’ stata autorizzata la manifestazione con cui volevano chiedere al governo italiano ”che a dicembre ha assunto la presidenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu, un impegno concreto per sbloccare l’empasse che impedisce il dispiegamento della forza di pace di 26mila Caschi blu in Darfur”.

”E’ stata infatti negata – si legge nel comunicato – l’autorizzazione al sit-in previsto davanti Palazzo Chigi per avanzare all’esecutivo la richiesta di un intervento nei confronti del governo sudanese, responsabile dei rallentamenti che hanno impedito finora il dispiegamento della forza di pace autorizzata dalla risoluzione dell’Onu del 1 agosto 2007 e che entro la fine di questo mese avrebbe dovuto essere operativa”. ”Nonostante ci venga impedito – sottolinea il comitato promotore delle iniziative per il Darfur – di avanzare pacificamente e democraticamente le nostre richieste al governo attraverso una manifestazione, non recediamo dal nostro intendimento di sollecitare le istituzioni a fare di piu’ per impedire che nella regione del Sudan, martoriata da oltre quattro anni, continui il massacro di vittime innocenti”. ”A tal fine – conclude il comunicato – rivolgiamo un appello al presidente del Consiglio Romano Prodi, che ringraziamo per l’impegno economico annunciato a Lisbona per il Darfur e il Corno d’Africa, ad assumere un’iniziativa forte nei confronti del governo sudanese affinche’ interrompa l’ostruzionismo che di fatto impedisce il dispiegamento della forza di peacekeeping”.
(ANSA).MIU 14-DIC-07 12:13 NNNN

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: